A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Parsec (Sulla Notte)

“Sulla Notte” è l’album d’esordio dei quattro bolognesi Parsec. A mio avviso uno dei più bei cd dell’ultimo anno. Storie notturne narrate in modo crudo, disilluso, a volte con amarezza e con dettagli che inquadrano ogni singola canzone in un dove e in un quando. Ma non solo, ciò che maggiormente arriva all’ascoltatore sono i sentimenti e le sensazioni di chi le recita. Il suono noise incalza e accompagna la voce durante tutta la narrazione. I Parsec prendono spunto dagli artisti che amano e creano un sound loro, inimitabile.
“Audrey” ricorda la ragazza di Twin Peaks, come ci racconta nel testo il cantante.
“Luci al Neon” è una notte rassicurante in un pub, dove succede qualcosa che fa scappare tutti e trasmette ansia e poca lucidità.
“Per una Volta”: un taxi abusivo senza meta, un tassista cupo e una strana avventura notturna tra grattacieli.
“Non siamo mai stati Moderni” è la dichiarazione di ciò che sono i Parsec, né più né meno. “Un’infanzia Difficile” è poesia. La propria infanzia, il rapporto odio/amore con i genitori, la sola voglia di sentirsi felice e amato; la convinzione, e illusione, di potersi lasciare tutto alle spalle cambiando semplicemente città
“All’ultimo Piano”: giri loschi durante la notte e pensieri sulla propria vita, sui “ma” e sui “se”, su fallimenti. “Il Testamento Di Un Uomo” è poesia ed è ispirata dal film “Stalker” di Andrej Tarkovskij. Il brano è forse la perfezione per i Parsec, poiché musica e recitato s’intrecciano per poi tornare a correre parallele. “Emile” è un’altra storia cucita in soli 3.41 minuti, e trasmette dolore, paura di ciò che avverrà.
“Lo Straniero” ha un suono meno incalzante, duro, crudo ma le parole lasciano senza fiato e con un grande interrogativo. A chiudere l’album “Stoccolma”. Ipnotica, suggestiva e semplice perché simile a noi giovani, con le teste zeppe di domande e paure, sempre pronti a far girare il mappamondo e decidere quale sarà la nostra prossima meta.

Tracklist

1.Audrey
2.Luci Al Neon
3.Per Una Volta
4.Non Siamo Mai Stati Moderni
5.Un’Infanzia Difficile
6.All’Ultimo Piano
7.Il Testamento Di Un Uomo
8. Emile
9. Lo Straniero
10.Stoccolma

 
A cura di Liss

Autore:

Alessandra Sandroni