Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –  

Woods of Karma – This has already been done

I Woods of Karma sono una band di origini livornesi di recente formazione e a fine maggio hanno dato luce al loro primo lavoro, un Ep composto da 4 tracce dal nome “This Has Already Been Done”, titolo un pochino paraculo visto che in effetti la loro musica si è già sentita in giro e con questo esordio non sono riusciti a dare un’immagine ben definita della band. Il loro genere? Il solito, super abusato alternative rock, indie rock, un genere che sta inghiottendo centinaia di band che non hanno ancora definito il proprio stile.

4 brani che scorrono piacevolmente, non c’è posto per la noia anche se nessuna canzone sembra emergere rispetto alle altre per poter trainare le altre. Buona la produzione e buono anche lo stile e la voce dei Woods of Karma, ma, essendo all’esordio, probabilmente hanno preferito dosare le proprie energie creative, regalando qualche buono spunto rock, ma senza mai osare quel qualcosa che avrebbe reso il titolo dell’Ep un messaggio di protesta e non un dato di fatto. I 5 ragazzi percorrono una via già battuta da tanti altri, anche se comunque il loro esordio non è per niente male, si intuisce un potenziale ancora inespresso e che potrebbe dare alla band uno spazio maggiore sui palchi e nella discografia. Gli ingredienti ci sono tutti, devono forse lavorare di più sul coraggio e la forza espressiva, si avverte qualcosa di trattenuto, qualcosa sul punto di esplodere e che invece è stato sedato in attesa di tempi migliori. Questo si avverte forse di più in “Endlessea”, gli altri pezzi sono più “alternative, indie”.

Nel complesso comunque promossi, sia dal punto di vista della produzione che dei brani, probabilmente bisogna aspettare e ascoltare cosa ci proporranno in futuro per vedere quale direzione compositiva e stilistica intraprenderanno.

Tracklist:
01. Aubergine
02. The model
03. Endlessea
04. August for the last time

Recensione a cura di: Valentina Ferrari

Autore:

Gianni Antichi