Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –  

Sine Frontera – Restiamo umani

Anticipato dal singolo “Mar dei Migranti” il 22 Aprile 2016 esce il nuovo disco dei Mantovani Sine Frontera, Restiamo Umani.

Il titolo dell’album è un omaggio al giovane reporter pacifista Vittorio Arrigoni, ucciso nella striscia di Gaza nel 2011, il quale era solito chiudere ogni articolo di corrispondenza proprio con la frase “Restiamo umani”, richiamata anche nel titolo del suo libro “Gaza. Restiamo Umani”. “Restiamo Umani”, suona Reggae, le cui sonorità delicate scivolano su un tappeto di strumenti vari che vanno dagli archi “Restiamo Umani”, “Nubi Nere”, “La fùla dal babau” per citarne alcuni passando da sonorità più crude e incisive che rasentano la scia Ska/Punk “Nubi Nere”, “Il Barbanera”, “Circus” con buoni spunti di fiati. Non mancano le atmosfere più melodiche “Mar dei Migranti” graffiate da una sezione di chitarre increspate, fino a “Le favole e le nuvole” una traccia che chiude il lavoro senza fare troppo rumore.

Un concept album, all’interno del quale la formazione mantovana sviluppa una riflessione kantiana sull’uomo e sulle sue profonde contraddizioni. Un disco per niente banale sia nei contenuti che nel concetto stesso. La bravura dei Sine Frontera è stata quella di alleggerire il progetto con sonorità allegre e dal ritmo sprezzante.

01. Restiamo umani
02. Mar di migranti
03. Nubi nere
04. Picchi in testa
05. Pino l’orb
06. La musica del Vvnto
07. La fùla dal Babau
08. Il barbanera
09. Balkan
10. Circus
11. Le favole e le nuvole

a cura di: Madness

Autore:

Gianni Antichi