Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   “Un uomo qualunque”, il nuovo singolo di Giovane Giovane –   Mumo Festival – II edizione –   HOLY SHiRE, fuori il nuovo album “Invincible” –   Manca pochissimo al LARS ROCK FEST 2024 –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   “Un uomo qualunque”, il nuovo singolo di Giovane Giovane –   Mumo Festival – II edizione –   HOLY SHiRE, fuori il nuovo album “Invincible” –   Manca pochissimo al LARS ROCK FEST 2024 –  

One Man 100% Bluez – Bloodshot

I One Man 100% Bluez si formano nel 2009, genere musicale Blues Punk ‘n Roll, hanno da poco presentato il loro album Bloodshot per Gas Vintage Records, un concentrato di stili musicali diversi, accostati in modo particolare. Il risultato è un disco di 8 tracce, il quinto per il gruppo guidato dal bluesman Davide Lipari.

Il suono è curato, deciso, stile elettro-blues con attitudine punk e tanto rock, per un totale di otto brani, di cui due cantati in italiano. Un blues moderno e coinvolgente, in grado di tenere alta l’attenzione per tutta la durata del disco, impresa non sempre facile. Ma siamo in presenza di professionisti, ce lo si può aspettare da una formazione del genere.
Se dovessimo basarci sui like dei Social si pensa ad una band piccolina, nella realtà la loro musica non corrisponde assolutamente a quella visione, è un buon disco, si ascolta volentieri, chi è stato ad un live della band dice che on stage riescono a creare un sound ancora più innovativo rispetto al disco, ammetto che sono curiosa di vedere presto un loro concerto, mostrano talento e originalità già con queste tracce registrate.
L’uso di italiano e inglese risulta molto equilibrato e riescono ad esprimere le loro potenzialità in entrambe le lingue, altro segno di coraggio e intelligenza in un’unica produzione, spesso i gruppi hanno problemi a esprimere la propria musica con una delle due lingue, in questo caso invece il genere si abbina con gusto in entrambe le versioni.

Probabilmente il disco non verrà ascoltato da chi non ama questo genere, soprattutto in versione mista, ma la qualità dell’album vale un ascolto anche da chi non sembra indirizzato verso di loro. Sono tracce che lasciano curiosità e un retrogusto piacevole, dalla produzione alla composizione, dagli strumenti alla voce del cantante, tutto è ben fatto e gradevole e da gradevole potrebbe diventare tranquillamente un piacere e una buona abitudine. La buona musica non ha genere.
Promossi con ottimo punteggio, album che consigliamo e sicuramente band da tenere d’occhio per i prossimi live.

01. Future
02. Let’s Jump
03. Bloodshot
04. Aridità
05. Never Stop
06. Beer And Wodka
07. The Desert
08. Donna

Recensione a cura di: Valentina Ferrari

Autore:

staff