A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Konrad – Carenza di logica

“Carenza di logica” è il primo disco solista di Konrad, cantautore e artista poliedrico di Bari, con alle spalle tante esperienze in diverse band e grandi collaborazioni. L’album è composto da 13 brani in italiano (tranne “Lost And Happy”, cantata in inglese), il genere è un misto tra pop e folk con accenni di reggae, dub ed elettronica.

Sperimentazione e originalità, commistione di generi diversi e a volte difficili da accostare sono i punti di forza di questa produzione eterogenea e che manca di un filo conduttore. O forse il filo conduttore è proprio questa mancanza.
Buono il suono e buona la produzione, è un sound molto italiano nonostante tutte le influenze diverse che si incontrano e si scontrano nei brani, è un cantautorato più ricco del solito, ma si inserisce comunque nel calderone indie alternative che sta intasando leggermente la scena attuale.
I testi non arrivano in modo diretto, la musica invece riesce a farsi strada più agilmente, per apprezzare meglio questo lavoro bisogna ascoltarlo più volte, alla ricerca di quella particolarità che può rimanere impressa in base ai gusti. Tra i pezzi che più ho apprezzato c’è “L’eretico statico” che ha un ritmo più intenso e un suono più pieno, da band folk.

Buona la prima anche se non mi convince completamente, gli spunti sono buoni, ma è un disco abbastanza ostico e con troppi stimoli da seguire. Ma siamo anche in presenza di un artista con tantissime esperienze e che in un solo album è riuscito a racchiudere tante storie musicali diverse.

01. Dal mare
02. Coincidenze
03. La donna Del Mare
04. Zaiana
05. L’eretico Statico
06. Il Bene e il Male
07. Lost And Happy
08. Dalla Polvere
09. Vivere a Metà
10. Il Sonno e il Mare
11. Carenza di Logica
12. La Stella Pomeridiana
13. Timido Fiore

Recensione a cura di: Valentina Ferrari

Autore:

staff