Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –  

Colonnelli – Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

I Colonnelli sono una band Thrash/Rock di Porto Santo Stefano (Gr) e hanno pubblicato l’album di debutto, “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”, album distribuito dalla (R)esisto Records nel 2015. Testi in italiano per un totale di 11 tracce di rock, metal e thrash, canzoni brevi, potenti e arrabbiate.

Per essere un album d’esordio bisogna fare i complimenti, buona la produzione e il suono, buono il ritmo complessivo del lavoro e i ragazzi risultano piuttosto convincenti. Sono solo all’inizio e non hanno un gran seguito, ma tutto a suo tempo.
Tutti i brani sono aggressivi, violenti e diretti, ma lasciano anche trasparire la tecnica di questi ragazzi, un piccolo album gioiello con tantissimi spunti di talento e bravura. Obiettivo centrato per i Colonnelli.
La potenza rimane la stessa praticamente per tutto l’album, si riesce a riprendere il fiato con qualche pezzo più melodico, ma i ragazzi ci hanno dato dentro fino alla fine, creando un album intenso e melodico al punto giusto, un lavoro che abbraccia un pubblico ampio, ma sicuramente attento.
Niente noia, niente imitazioni, niente di già sentito, le influenze di band del passato ci sono, i Colonnelli non si sono inventati nulla, ma sanno suonare e reinterpretare anche in chiave moderna il thrash più apprezzato.

La chiusura è affidata a “La Marcia Dei Colonnelli”, ottimo brano per chiudere con un’altra scarica di rabbia questo fiume di note cattivissime e urlate sia dagli strumenti che dalla band.
Altro punto a favore della band è il cantato in italiano, scelta coraggiosa, ma azzeccatissima, non mitiga la durezza del loro stile, anzi, ne esalta ancora di più la potenza.

01.  Il Boccone Amaro
02.  Masticacuore
03.  Circo Massacro
04.  Combustione Interna
05.  Magnitudo Dieci
06.  Vi Cacceremo Senza Pietà
07.  Ero Vestito di Nero
08.  Apprendista Suicida
09.  Proiettile
10.  Scenderemo Nel Gorgo
11.  La Marcia Dei Colonnelli

Recensione a cura di: Valentina Ferrari

Autore:

staff