A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Vaio Aspis – Radica

Tracklist:

01. Sono Ancora Qui
02. Nuovo Giorno
03. Con il Tempo il Cane Impara a Sentire l’Odore della Rabbia
04. Violenza Di Strada
05. Il Giorno Muore All’Alba
06. Sotto Ricatto
07. L’Eternità di un Attimo
08. Quel Vuoto in Te
09. Il Paese Degli Uomini Integri

A qualcuno mancano i Linea 77? Aspetta, cosa dite? Che ancora suonano? Ah giusto… diciamo che sono quei gruppi parecchio promettenti che, però, col tempo si son ritrovati con le polveri tristemente bagnate.

I Vaio Aspis partono da una simile traccia, con dell’hard rock molto nineties, specialmente a livello di riff. Il gruppo, oltretutto, ha due voci in Michele Lombardi e Luca Cracco, anche se spesso non se ne capisce particolarmente il motivo se non per alternare spoken/rap e melodico.
Sono Ancora Qui in partenza inizia discretamente, meglio la successiva Nuovo Giorno con delle interessante ripartenze in doppio pedale. Influenze punk hardcore particolarmente apprezzabili in Con il tempo il cane impara a sentire l’odore della rabbia e l’andazzo quasi emo/punk in L’eternità di un attimo.
Personalmente trovo ottima la scelta di cantare esclusivamente in italiano, speriamo che i nostri non ci ripensino su questo.

Con soli nove pezzi, tra cui anche un intermezzo, e minutaggi contenuti, Radica sembra quasi più un EP, fermandosi poco oltre la mezz’ora, scegliendo giustamente la qualità sulla quantità. Benissimo, peccato che il tutto suoni come già sentito, non presentando nessun elemento di originalità nell’alternare attacchi sonori con vocalizzi melodici e spoken/rap. L’inizio è promettente, vediamo cosa altro ci combinano.


Recensore: Damiano Gerli

Autore:

staff