Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –  

Shapeless Void – Oberheim

Shapeless Void, band bresciana di recente formazione, esordisce con il suo primo Ep, “Oberheim”, composto da 4 tracce di brit pop leggermente sporco. Come prima prova non c’è male, sicuramente molto pop, ma anche un lavoro ben fatto e curato, le canzoni sono carine anche se sono solo un piccolo assaggio, ma la prima impressione è decisamente buona.

Il richiamo brit non mi dispiace, è un tipo di sound che non passa mai di moda e che viene reinterpretato da tantissime band, a volte con il rischio di annoiare e di sembrare trito e ritrito, ma in questo caso la reinterpretazione è fatta bene e con carattere.

Ho particolarmente apprezzato “Stuck in the queue”, forse il pezzo più strutturato e particolare dei quattro proposti, ma nel complesso si tratta di un buon Ep. Bella voce e bel sound. Manca però il brano in grado di esaltare le potenzialità della band, probabilmente è un lavoro troppo ragionato ed equilibrato, non hanno voluto strafare. Scelta apprezzabile, ma che può diventare un limite.

Ovviamente giudicare una band con soli 4 brani è difficile, le premesse degli Shapeless Void sono buone, bisogna attendere una produzione più ampia per capire se i ragazzi riusciranno a comporre ancora bei pezzi e a differenziare un pochino le canzoni. Un intero album così sarebbe noioso, ma questo è un Ep, quindi una piccola presentazione delle capacità di questi musicisti, hanno tutto il tempo per concentrarsi sulla scrittura.

Per il momento i Shapeless Void ci hanno regalato un buon disco, ora bisogna continuare a seguirli per vedere cosa riusciranno a proporci e se riusciranno a dare più incisività alla produzione.

 

Tracklist:

  1. A drop in the ocean
  2. Stuck in the queue
  3. Assassin
  4. Reckless

 

Recensione a cura di: Valentina Ferrari

Riferimenti: Profilo ufficiale Facebook

Autore:

staff