A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Krysantemia – Finis Dierum

Tracklist:

01. In Corpus Diaboli
02. Finis Dierum
03. At last
04. Not Alone
05. Sadistic Possession
06. Incarnation
07. When the Sun Dies
08. Shadows of Fault
09. Try to get Lost
10. Six Feet Away
11. Saint Evil

Il ritorno sulle scene dei Krysantemia sul fronte discografico non può certo passare inosservato a chi fa del thrash metal vecchia scuola il proprio credo. “Finis Dierum” è un prodotto feroce, aggressivo ma che al tempo stesso ha la giusta lucidità che lo porta a districarsi bene tra le molteplici produzioni di settore.

Un lavoro dove la tecnica strumentale non è mai fine a sé stessa, ma bensì si presta non poco a dare groove e una veste “moderna” a ogni brano. I Krysantemia sono la classica band che riesce a dare il meglio di sé a ritmi sostenuti e le canzoni presenti in questo secondo capitolo discografico ne sono prova evidente: più questi musicisti spingono sull’acceleratore e più l’indice di gradimento sale, specie per chi, come il sottoscritto, fa ancor oggi fatica ad avvicinarsi alla scuola heavy teutonica optando più per quella statunitense.

Detto ciò in “Finis Dierum” trovano spazio in egual misura entrambe le scuole di pensiero sopra citate, la durezza sonora della prima e il mood bastardo della seconda. Un ritorno convincente in ogni sua singola parte, a iniziare da una produzione cristallina che ha dato ancor più lustro alle qualità della band.


Recensore: Golem

Autore:

staff