Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –  

Kensington – Rivals

Tracklist:

01. Streets
02. All for nothing
03. Done with it
04. System
05. Riddles
06. War
07. Don’t walk away
08. Little Light
09. Words you don’t know
10. Rivals

Il rock espresso dai Kensington, band olandese figlia del decennio recentemente entrato nella sua seconda metà, è un rock potente con diversi rimandi allo stile imperante intorno alla fine degli anni ’90/primi anni 2000, tipo i Foo Fighters di "All my Life" ma con la solennità che contraddistingueva (senza una ragione apparente) i Nickelback. Si parla quindi di giri semplici accompagnati da una batteria piuttosto imponente per canzoni che seguono tendenzialmente tutte lo schema strofa-climax-ritornello.

L’album inizia con "Streets", che si sposa in pieno con quanto detto pocanzi sullo stile musicale del gruppo. Col procedere del disco però ecco presentarsi sonorità e strutture (sopratutto nei cori e nell’andamento) tipiche della musica africana (o meglio della sua americanizzazione), anch’esse molto in voga nel periodo di fine anni ’90 (il trio "Riddles", "War" e "Don’t walk away" sembra prodotto da Youssou N’Dour).
Con i pezzi successivi invece si ritorna a stili più simili a quelli iniziali e in certi casi la velocità aumenta vertiginosa ("Words you don’t know"). Il pezzo di chiusura, nonché il pezzo che da il titolo al disco, nonché il pezzo sicuramente più riuscito (esatto, mi riferisco a "Rivals") è invece una ballata più lenta e sicuramente meno energica ma che spicca nell’insieme.

Rivals è un disco che paga un tributo grandissimo a quelle che evidentemente sono state le influenze dei musicisti: si potrebbe quasi dire che è un album uscito in ritardo di quindici anni. Ora, nonostante già da almeno un lustro gli anni ’90 siano tornati di moda (non tutti, solo quelli più commericali: lungi da me sostenere che ci sia musica all’altezza di Pearl Jam o REM in giro) andare a ripescare la commistione di rock e musica etnica come fanno i Kensington può avere un senso per i più nostalgici ma per il resto degli ascoltatori rimane un disco normale senza niente che riesca a colpire.

Recensore: Pucc

Autore:

staff