“Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   “Un uomo qualunque”, il nuovo singolo di Giovane Giovane –   Mumo Festival – II edizione –   HOLY SHiRE, fuori il nuovo album “Invincible” –   Manca pochissimo al LARS ROCK FEST 2024 –   Post Malone, pubblicato il nuovo singolo “Pour Me A Drink” feat. Blake Shelton –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   “Un uomo qualunque”, il nuovo singolo di Giovane Giovane –   Mumo Festival – II edizione –   HOLY SHiRE, fuori il nuovo album “Invincible” –   Manca pochissimo al LARS ROCK FEST 2024 –   Post Malone, pubblicato il nuovo singolo “Pour Me A Drink” feat. Blake Shelton –  

Dear Dust – Lights to avoid

Tracklist:

01. Viva decay
02. Since my shadow became warm
03. Breaking bad
04. In ruins
05. Long time ago
06. Is disgust in our genes or acquired in childhood
07. No mercy

I Dear Dust sono una band punk rock di Roma, nata nel 2012. La descrizione che danno di se stessi è “We talk about love, death and fire with a negative mental attitude. Enjoy the fall, enjoy the crash. A questo punto sale la curiosità per il loro secondo album, About Lights to Avoid, uscito a gennaio 2015.

Il press kit del trio punk è decisamente scarso, direi praticamente che non c’è, quindi ho fatto una piccola ricerca su internet per capire chi sono questi ragazzi, mentre in sottofondo sono accompagnata dalla loro musica. Hanno una bella immagine … e per bella immagine intendo cupi, horror, truccati e cattivi, cercano di incarnare e dare nuova vita al punk. Hanno accompagnato l’uscita del disco con il video “Since My Shadow Became Warm” in cui potete trovare tutto il sangue, le torture e l’orrore che desiderate. L’unica pecca è che sono coste già viste, ma il gruppo ha decisamente potenziale e se riuscirà ad abbandonare strade sicure per crearsi una propria personalità più distintiva … ne vedremo sicuramente delle belle e ne sentiremo parlare sempre più spesso  Ma parliamo del disco: 7 tracce di punk, ritmo incalzante, linee di basso molto potenti e presenti con giustificata arroganza, un lavoro curato in ogni singolo pezzo, molto bella “Since My Shadow Became Warm”, m si difende bene anche “Is Disgust In Our Genes Or Acquired in Childhood”.

Questo trio spicca sicuramente nella scena romana e merita di andare ancora più avanti, saranno loro a decidere dove vogliono arrivare, molto lavoro e impegno e questi ragazzi faranno strada. La scena punk in Italia è sempre un po’ sofferente e zoppicante per mancanza di spazio, quindi, come tutte le band di questo genere, i Dear Dust dovranno fare tanta gavetta e competere con tanti altri gruppi che hanno già la loro identità e hanno ben chiaro il proprio percorso. Sono da tenere d’occhio e vedere quale sarà la loro scelta.

Recensore: valentina ferrari

Autore:

staff