Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –  

Carnality – Dystopia

Tracklist:

01. Abyssus abyssum invocat
02. Doomsday
03. Fall of the human ratio
04. The right of oblivion
05. God over human ruins
06. A sysyphus drama
07. Lord of drones
08. Silent enim leges inter arma pt.1: A simulacrum of humanity
09. Silent enim leges inter arma pt.2: Resignation
10. Silent enim leges inter arma pt.3: The gift of anomie

Il disco brutal death metal dell’anno. Potrebbe finire qui la recensione di “Dystopia”, secondo capitolo discografico dei romagnoli Carnality, band attiva dalla fine degli anni ’90 e fieri portabandiera di un genere musicale adatto agli stomaci forti.

Una band che ha fatto enormi passi in avanti in fatto di stile, che ha saputo – nonostante i frequenti cambi di formazione – evolversi fino ad arrivare a essere la splendida realtà che è oggigiorno. Parliamo di un disco che a modo suo apre nuovi orizzonti in una scena che oggigiorno non ha molto da dire in fatto di novità, cercando oltre all’aggressione vocale/sonora quella ricerca melodica che poche band sanno attuare con intelligenza e gusto. I musicisti in questione sono persone navigate che amano alla follia il proprio strumento, lo si nota dal minuzioso studio attuato nelle metriche e nei centinaia di riff prodotti, il tutto reso ancor più micidiale da una produzione cristallina ad opera del solito Simone Mularoni. Un gran disco che racchiude al suo interno anche un concept lirico interessantissimo, legato a un futuro utopistico e diviso a racconti, brano per brano.

La prova vocale è di notevole fattura, d’altra parte avere il motore di una Ferrari posizionato sul telaio di una Fiat non avrebbe granché senso no? Disponibile in versione digipack a tiratura limitata (l’artwork di per sé vale il suo acquisto) “Dystopia” è qualcosa di realmente eccezionale. Provare per credere!


Recensore: Golem

Autore:

staff