A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Perseus – The Mystic Hands of Fire

Tracklist:

01. Sons of Kronos
02. Over the horizon
03. Memories
04. Bad illusion
05. I’m your flame
06. Icarus creed
07. Devil in disguise
08. Dark side o’mine
09. The island
10. I’ll be alone
11. The tears of saturnus
12. My wicked love to rest
13. Outro (the reason why)

Tutti gli ingredienti più succosi del power metal sono stati cucinati a puntino seguendo la ricetta alla lettera, sono stati amalgamati con estrema mestizia e senza sgarrare di un secondo sul tempo di cottura, nel pentolone che è questo nuovo disco dei brindisini Perseus. La band, di recente formazione, vanta comunque tra le sue fila musicisti sulle scene ormai da diversi anni.

La voce urlante richiama al palato certamente Rob Halford (parte della band precedentemente suonava in una cover dei Judas Priest) ma anche Bruce Dickinson, mentre l’impianto acustico che la supporta la segue fedelmente anche nello stile con attacchi, bridge e soli molto simili sia ai Judas che, appunto, agli Iron Maiden. Tuttavia si percepisce fin dalle prime note come questo disco sia tutt’altro che facile comporre, frutto di una minuziosa pesatura ed equilibratura tra gli strumenti. Ma questo fa si che si sposi perfettamente col filone di cui fa parte.

Insomma un disco che si abbina perfettamente agli altri classici, stagionati e meno stagionati, dischi power metal della collezione di ogni buon intenditore. Con però un’unica nota stonata: spesso è forte il sentore palesemente italofono nelle liriche inglesi e questo porta, in determinati casi, ad un retrogusto che probabilmente è distante da quello realmente cercato dalla band.


Recensore: Pucc

Autore:

staff