Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   “Un uomo qualunque”, il nuovo singolo di Giovane Giovane –   Mumo Festival – II edizione –   HOLY SHiRE, fuori il nuovo album “Invincible” –   Manca pochissimo al LARS ROCK FEST 2024 –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   “Un uomo qualunque”, il nuovo singolo di Giovane Giovane –   Mumo Festival – II edizione –   HOLY SHiRE, fuori il nuovo album “Invincible” –   Manca pochissimo al LARS ROCK FEST 2024 –  

The Backseat Boogie – Cut Out to Rock

I Backseat Boogie nascono nel 2007 nel milanese, il loro genere è il Rock’n’Roll, hanno all’attivo un Ep e due Lp e il loro terzo Lp è Cut Out To Rock, composto da 14 tracce cantate in inglese, piene di ritmo e rock’n’roll. Si ascolta tutto d’un fiato, il passato torna in vita con gusto e stile, ogni pezzo fa ballare e risulta coinvolgente, uno di quei lavori che possono piacere ad un pubblico trasversale, impossibile indicare una canzone come più bella dell’altra, ognuna ha la sua anima e le sue caratteristiche con alcuni prestiti da generi affini, il tutto amalgamato alla perfezione in un disco che è assolutamente da comprare.

I Backseat Boogie sono una di quelle band che riesce a mettere d’accordo anche il pubblico più eterogeneo e non perché facciano canzonette o musiche commerciali, ma perché sono bravi e coinvolgenti con il loro ritmo e il loro sax, un omaggio a tempi che non ci sono più, ma che ci piacciono tanto qualunque sia il genere per cui impazziamo oggi. Questo gruppo vi farà mettere la brillantina nei capelli (anche se non avete capelli).

“Cut Out The Rock” è stato registrato in soli 4 giorni al Black Shack Records, si può pensare ad un disco frettoloso, mal prodotto e con riempitivi. Niente di tutto questo. Suono curato, bel disco, emerge semplicemente la freschezza e l’entusiasmo di questi ragazzi. Le nuove produzioni solitamente non raggiungono le 14 canzoni, i Backseat Boogie invece ci inondano con la loro vena creativa e fanno benissimo. Al termine del disco si inizia ad ascoltarlo di nuovo, avrebbero potuto inserire anche altri brani perché non risultano pesanti in nessuna parte del disco.

Normale che i ragazzi abbiano fatto oltre 400 concerti in Italia ed Europa, impossibile rimanere impassibili con “Hit The Iron”, sotto il palco credo che si scateni ogni volta un’orgia rockabilly o country con “I Can’t Take It Anymore”.

Ottimo disco!

Recensione a cura di: Valentina Ferrari

 

Tracklist:

  1. Cut Out to Rock
  2. The Worst and The Best
  3. Water out of Stone
  4. Young Blonde and Wasted
  5. First to Come (Last to Leave)
  6. Gone Bald Boogie
  7. In the City
  8. Postcard from Zombieville
  9. Hit the Iron
  10. I Can’t Take It Anymore
  11. Hey Beauty!
  12. Long and Silent Drive Home
  13. Money Back
  14. Sins and Secrets

 

Riferimenti: http://www.thebackseatboogie.com/

Autore:

staff