Cinzella Festival_dal 15 al 17 agosto a Taranto –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   Cinzella Festival_dal 15 al 17 agosto a Taranto –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –  

Pharmakonirico – s/t

Tracklist:

01. Sogno n. 1
02. Sogno n. 2
03. Sogno n. 3
04. Sogno n. 4
05. Sogno n. 5
06. Sogno n. 6
07. Sogno n. 7
08. Sogno n. 8
09. Sogno n. 9
10. Sogno n. 10
11. Sogno n. 11
12. Phantasma

Nonostante l’età (tutti intorno ai 35 ci dice la biografia) sono all’esordio. Esordio come Pharmakonirico non come musicisti in generale, l’esperienza si sente bene. E che non siano dei novellini si capisce dai primi ascolti di un album così ben fatto e orecchiabile, rock puro che spazia dagli anni ’70 gli anni ’90 in 12 tracce esclusivamente strumentali, che però non scadono mai nel noioso o ripetitivo. Registrato in presa diretta senza sovraincisioni o postproduzione è una via di mezzo tra un live e le prove in sala prove, quando in due ore andava eseguito tutto il repertorio per lasciare spazio alla band successiva.

Questo disco omonimo non da punti di riferimento, le canzoni sono numerate (tutte tranne l’ultima, ‘Phantasma’, frutto di una session di improvvisazione in studio) e tendono a fondersi tra loro creando un suono compatto, amalgamato e coerente, ma al contempo ben distinto in ogni pezzo.
Come anticipato il gruppo spazia molto nel rock degli ultimi 40 anni, da sonorità più recenti ("Sogno n.2", "Sogno n.6"), passando per canzoni che ricordano la psichedelia di fine anni ’60/inizio anni ’70 ("Sogno n.7", "Sogno n.9" con un assolo che richiama molto la chitarra di David Gilmour) ed esprimendosi al meglio quando rimandano all’hard rock di metà anni ’70 (e tutte le sue incarnazioni successive).
I due pezzi migliori sono, a nostro avviso, "Sogno n.5" e "Sogno n.10", tirate e moderne, una struttura di canzone fatta apposta per la trasposizione live, i riff aggressivi e una sessione ritmica che tiene alto il ritmo per tutto l’arco del pezzo.

Questo "Pharmakonirico" insomma lascierà sicuramente soddisfatti dell’ascolto i fan del rock più puro e radicale basato sul dogma chitarra-basso-batteria, ma è consigliato per tutti gli amanti della buona musica in generale, vista la qualità dei pezzi che ne compongono i 68 minuti.


Recensore: Pucc

Autore:

staff