A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Monaci Del Surf – Monaci del Surf II

Tracklist:

01. Intro
02. Yakety Sax (Benny Hill Theme)
03. Il pranzo è servito
04. Que viva la fiesta!
05. Day-O (The banana boat song)
06. The Locomotion
07. Can’t get you out of my head
08. Stadium
09. Sway (¿Quien serà?)
10. Sweet dreams (are made of this)
11. Korobeiniki (Tetris Theme)
12. Better off alone
13. Teach me tiger
14. Have love will travel
15. Senza fine

I Monaci del Surf sono una band composta da gente strana, con pensieri strani che suonano musica strana, vestiti come monaci-karateka con maschere messicane sui volti.
Divertenti, geniali e mai noiosi.
Questo secondo disco è composto da 15 tracce di surf nudo e crudo.
Dopo un Intro accattivante il disco entra nel vivo con Yakety Sax, rivisitazione della famosa sigla di Benny Hill per poi continuare con un’altra sigla di un famosissimo quiz televisivo italiano, Il pranzo è servito.

Que viva la fiesta!  è il primo brano inedito dei Monaci, di Tarantiniana ispirazione, una sfida tra chitarre che arriva a Day-O, prima canzone cantata del disco in cui “il Tigre”reinterpreta magistralmente la versione originale di Harry Belafonte.
Si continua sull’onda di The Locomotion, celebre brano rivisto in chiave surf di Carole King e Gerry Goffin, riportato in classifica negli anni 80 da Kylie Minogue, alla quale i Monaci tessono le lodi in Can’t get out of my head, il brano inizia con un dialogo tratto da “Se mi lasci ti cancello”.
Stadium è la  sigla del programma Domenica Sprint, un incredibile crescendo di fomento sportivo che culmina con la presenza del cronista di Holly e Benji e la sua mitica frase “Ed è gol!”.
Si continua con Sway, celebre mambo di Pablo Ruiz in una versione che sa già d’estate, e Sweet Dreams degli Eurithmics (anch’essa strumentale). I Monaci sono fan degli 8 bit e lo dimostrano con la colonna sonora del più famoso videogame anni 80: Tetris (Korobeiniki), riesce a cogliere appieno l’atmosfera russa insita nei suoni. Anche le hit da discoteca fanno parte di questo secondo album e Better Off Alone di Alice Deejay ne è un esempio.
Si cambia registro e in Teache Me Tiger la voce sensuale di Levante accompagna i Monaci nel loro percorso musicale che si perde poi nel deserto americano (Have Love Will Travel)

Senza fine è la versione dei Monaci, rispecchia perfettamente il titolo (la canzone dura 35 minuti…).
Questo disco dimostra come a volte le parole non sono poi tanto importanti, caro Nanni Moretti…


Recensore: Raffaele Rossi

Autore:

staff