Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –  

Gli Amanti – Strade e Santi

Gli Amanti si formano a Milano nel 2011, al posto di avere cambi di line up la band ha avuto un’evoluzione da due elementi originari fino ad arrivare alla formazione attuale, mossa che gli ha permesso di seguire anche un’evoluzione nel proprio percorso artistico e compositivo. Hanno presentato il loro album, Strade e Santi, realizzato grazie a Musicraiser, uscito per Universal Music Italia. I ragazzi sono entrati anche a far parte del roster di Godzilla Market.

Il loro genere è folk e pop, il disco è composto da 11 tracce dai suoni semplici, che scorrono piacevolmente rievocando atmosfere campestri e veramente folk. Ogni canzone è perfettamente distinguibile, con caratteristiche proprie e cori che entrano in testa piacevolmente. E’ un prodotto ben curato e strutturato che riesce però a mantenere genuinità e spontaneità, con i suoi ritmi gradevoli e melodie orecchiabili.
Particolarmente belle sono Cane e Lasciati Vivere, ma nel complesso tutto l’album può essere segnalato in modo positivo. Piace, molto. Tutti i testi sono in italiano, ma il sound è folk americano, diluito piacevolmente dal pop che riesce a donare freschezza senza nulla togliere alla bellezza del folk. La loro intenzione è dichiarata: “Cantiamo in italiano, amiamo in tutte le lingue”.
Una band che è solo all’inizio, ma che ha già trovato un largo consenso e molti apprezzamenti tra il pubblico. Hanno fatto un’ottima partenza, questo è sicuro, bisogna solo aspettare e vedere se riusciranno a mantenere le promesse che sentiamo in questo album, il talento scorre a fiumi in questi 11 brani, ho particolarmente apprezzato anche le voci, dai cori al cantante, originali, caldi come amanti e freschi come la loro giovane età.

Album che si ascolta più volte senza mai correre il rischio di cadere nella noia e band da tenere d’occhio perché potrebbe essere la vera novità in questo periodo di vuoto artistico che si sente aleggiare in Italia, vuoi per colpa del pubblico, della major, degli organizzatori e delle band. Qui però vediamo una speranza.

01. Ho Fame Adesso
02. Come Quando Piove
03. Cane
04. Il Mio Limite
05. Lasciati Vivere
06. Sul Fondo Di Un Bicchiere
07. Tutto Va Bene
08. Con La Testa Sull’Addome
09. Strade e Santi
10. Stavolta Salvo Te
11. Non Basterebbe Un Prato A Colorarmi

Recensione a cura di: Valentina Ferrari

Autore:

staff