A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Elyne – What burns inside

Tracklist:

01. Oblivion
02. What burns inside
03. That is real
04. G.O.D. (God of dreams)
05. N.28
06. Behind the smile
07. Not the same flags
08. The sound of life
09. Invisibles lines
10. The great winter

Bel passo in avanti quello fatto dagli italianissimi Elyne, una band nata nel novembre 2012 e con all’attivo un EP apripista intitolato “Syncretism” che evidenziava soprattutto le loro difficoltà nel trovare un filone specifico sul quale pianificare un futuro.

Oggi a distanza di un anno da quel mini pare che quei nei siano quasi del tutto scomparsi, attraverso duro lavoro e voglia di fare bene. I risultati li si possono trovare tutti nel disco d’esordio “What burns inside”, un album decisamente interessante sia sotto l’aspetto strumentale che lirico. Musicalmente gli Elyne hanno inglobato nel proprio DNA svariati elementi, muovendosi con semplicità in territori a tratti prog, a tratti core, senza per questo scadere in facili cliché (vedi breakdown). La crescita tecnica dei singoli musicisti è evidente sin dai primi ascolti, molta più libertà d’azione in fase di songwriting e molta più carne al fuoco da regalare all’ascoltatore attraverso un quantitativo smisurato di riff e cambi di tempo.

Sul fronte vocale pur rimanendo in target con l’EP in fatto di tonalità a piacere è soprattutto la cura prestata alle singole parti, cercando in ogni maniera di dare un’anima a ogni canzone, dai mood assai diversi. Un album tutto sommato piacevole e meritevole di attenzione per chi è solito imbattersi in produzioni alternative.


Recensore: Golem

Autore:

staff