A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Caleb Car Crash – People are the best show

Conosciuti soprattutto per essere stati di supporto ai Lacuna Coil, i Caleb Car Crash, rock band di Faenza, ci propongono un nuovo album dalla sempre gradevole ritmica dove ancora una volta la vera protagonista è la batteria.

Intitolato “People Are The Best Show”, il redivivo platter si compone di dodici tracce che però non rivelano nulla di più che non avessimo già ascoltato dai CCC, come il singolo in apertura “Let me In”, che ricorda molto i brani rock degli inizi del 2000, ma con l’aggiunta di una febbrile chitarra, che però non elettrizza più di tanto. Un mix di punk rock e grunge che potrebbe essere appetibile per i più “agresti”, ma che risulta a volte troppo piatto (o dai toni troppo simili a band veterane della scena alternative rock) per poter essere codificato in qualcosa di affabile.

Era buona la prima, ma non si può dire altrettanto della “seconda”. In attesa di essere deliziati da qualcosa di nuovo.

01. Let me in
02. Because I’m sad
03. The whereabouts
04. Outdone
05. Hello, ‘morning
06. Murder party
07. January
08. Enemy’s desire
09. Stereo (the body of christ)
10. Hangin’ on a rope
11. Nothing new under the sun
12. Nearly in bloom

a cura di: Tatiana Granata

Autore:

Gianni Antichi