“Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   “Un uomo qualunque”, il nuovo singolo di Giovane Giovane –   Mumo Festival – II edizione –   HOLY SHiRE, fuori il nuovo album “Invincible” –   Manca pochissimo al LARS ROCK FEST 2024 –   Post Malone, pubblicato il nuovo singolo “Pour Me A Drink” feat. Blake Shelton –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   Spaesaggi Festival 2024, II Edizione –   “Un uomo qualunque”, il nuovo singolo di Giovane Giovane –   Mumo Festival – II edizione –   HOLY SHiRE, fuori il nuovo album “Invincible” –   Manca pochissimo al LARS ROCK FEST 2024 –   Post Malone, pubblicato il nuovo singolo “Pour Me A Drink” feat. Blake Shelton –  

Black Deep White – Invisible

“Non si vede bene che col cuore, l’essenziale è invisibile agli occhi…”. E’ con una celebre frase di Antoine de Saint-Exupery che i romani Black Deep White introducono il loro primo full-length album Invisible. Formati nel 2010, pubblicano nel 2012 un EP intitolato “Tonight” e, come vampiri, si annidano poi nell’oscurità’, per escogitare e pianificare un ritorno alla vita del tutto rivoluzionato, mostrando al pubblico ciò di cui sono veramente capaci.
Descrivere un lavoro finito e rifinito cotanta scrupolosa precisione, richiede altrettanta accuratezza nel portare alla luce tutte le svariate sfaccettature che i Black Deep White hanno celato all’interno di questo “vaso di Pandora”.

“Una fanciulla bendata dalla cerea pelle, un immaginario ritratto per introdurre il concetto di invisibilità. Come ci si sente ad essere invisibile ad un’altra persona, quella che si ama più della propria vita? Va oltre ad ogni pragmatica spiegazione. Le parole non possono spiegare il profondo senso di fallimento e disorientamento che sopraffa’ i sentimenti e prosciuga ogni singola goccia di serenità da un cuore afflitto. E’ come essere avvolti in un manto di oscurità’ che non permette alla luce di mostrare la tua vera immagine. E’ come essere intrappolati in un universo parallelo, dove nessuno sa cosa sia la luce del sole; vagare tra le ombre dei dimenticati; ripercorrere i giorni della tua esistenza e, dopo aver esaminato tutte quelle cose per cui valga la pena vivere, ti accorgi che tutto è a pezzi, che tutto è perso nel tempo. L’amore può farti vivere, ma anche morire e rovinosamente farti cadere nel buio, dimora di dolore e subconsce paure.”

Un concetto pieno di sentimento e malinconica verità che ci porta a viaggiare con la mente ancor prima di affrontare la parte musicale. I Black Deep White ci stanno regalando qualcosa di raro e sublime, fuori dall’ordinario, che penso andrà a toccare una parte del subconscio di ogni ascoltatore.
Il nostro viaggio inizia sulle note di Invisible, un brano electro-rock dove spicca subito il talento vocale di Dave Shadow, accompagnato dal primo accenno di ciò che andremo a definire come un revival di un intramontabile rock anni ’80 e ‘90. Basterà ascoltare il brano solo due volte per avere melodia e ritornello impressi nella mente. Segue All for you, una soft ballad che scatena quella voglia di farsi trasportare da note tanto dolci quanto elegiache, magari proprio tra le braccia di quella persona alla quale si è Invisibile.
Father back richiama poi la lontana dance anni 90, con la sua intro “old DJ style” e un elettrizzante synth: difficile rimanere fermi!
Addentrandosi nei meandri dell’album, si viene folgorati dalla versione rockegiante di Lesson in love, uno dei pezzi più famosi dei Level 42, riproposto in modalità da “corna al cielo”, superba!
I Black Deep White però non si fermano di certo qui e vogliono sorprendere ancora con Utopia e Lost in a Moment, due brani soft ed introspettivi, un mix che richiama alla memoria anche i grandi The Cure, soprattutto dopo che Shattered entra in scena.
Sulla strada verso la destinazione finale di questo bucolico ma elettrizzante viaggio, troviamo Up To Some Days Ago e Tonight che, con i loro attacchi di chitarra, movimentano e preparano la scena per il gran finale spettante a Loneliness And Death, un gothic rock pieno di sentimento e voglia di lasciare un’impronta permanente sulla scena dark.
Insomma, un gran debutto per i Black Deep White che, con un album dai suoni puliti, riff melodici e un vocalist di tutto rispetto, hanno iniziato a percorrere l’ardua scalata al successo con il piede giusto. Complimenti!

01. Invisible
02. Father back
03. All for you
04. Lessons in love (Level 42 Cover)
05. Utopia
06. Lost in a moment (Remastered)
07. Shattered (Remastered)
08. Up to some days ago (Remastered)
09. Tonight – you are the meaning of love (Remastered)
10. Loneliness & Death (Previous unreleased track)

 

Recensione a cura di: Tatiana Granata

Autore:

staff