Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –  

The Watanabes – Draw What you Like

The Watanabes… dal Giappone? Sì. Band giapponese? No, o almeno non al 100%. Il nome inganna, ma la maggior parte di loro arriva dalla Gran Bretagna (sono solo due i membri di origine giapponese). Attivi dal 2005 e di base a Tokyo, questo strambo quintetto ci presenta il loro nuovo ultimo EP intitolato “Draw What You Like”, uscito nel passato autunno del 2014 (che magari stiano lavorando ad un nuovo capolavoro?).

Il loro sound è prettamente indie, molto pop e poco rock, ma all’ascolto sembra arrivare da un’altra epoca, direi molto… vintage. E pensare che due delle cinque tracce dell’album sono anche state scelte dalla CNN International come soundtrack in un documentario sul cibo in Giappone (chissà che storia! –era una battuta-). Se questa band ha anche dei riscontri positivi (ne ho letti un bel po’ negativi) vuol dire che un motivo ci sarà no? Molto probabilmente sono di animo buono e generoso e forse riescono a trasmetterlo attraverso la loro sobria e semplice musica, come ad esempio in “Make Things Better”, per il quale video la band si è recata a Fukushima ed ha aiutato (e filmato) la Playground of Hope (un’associazione benefica) a costruire un parco giochi per bambini per le comunità affette dal disastro nucleare del 2011. Insomma, il loro è un pop lucido, dal cantato pulito e liriche profonde, dove non manca la parte acustica alla The Smiths che movimenta il platter senza renderlo particolarmente pesante. Amanti del pop, fatevi sotto!

Tracklist:

  1. There’s Something Wrong
  2. 28 Years
  3. Make Things Better
  4. Yuriko Yuriko
  5. Drench You in Sun

Recensione a cura di: Tatiana Granata

Riferimenti: Sito web ufficiale

Autore:

staff