Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Gli A Place To Bury Strangers annunciano il nuovo album “Synthesizer” e il nuovo singolo / video “Disgust” –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –  

Live Report Giardini di Miro

Live Report

Giardini di Mirò
@ Locomotiv Club,
Bologna
27/11/2014

Una giornata piovosa in quel di Bologna, sfociata in una serata altrettanto piovosa,
ma che dentro al Locomotiv si è tramutata in pura magia.

Nel locale quella sera suonavano i Giardini di Mirò, provenienti dalla poco distante
Reggio Emilia, band tra le più eclettiche e le più originali del panorama alternativo
italiano degli ultimi 15 anni.
Nucini, Reverberi e compagni iniziano il concerto proponendo per intero tutto il loro
ultimo album “Rapsodia Satanica“, suddiviso in sei parti (Rapsodia Satanica I, III,
VII, XIII, XVII, XXI
), lavoro basato sull’accompagnamento sonoro per l’omonimo film
muto del 1917 di Nino Oxilia (lavoro che già fecero magistralmente 5 anni prima per
Il fuoco” del 1915 di Giovanni Pastrone).
Durante il live alle loro spalle viene proiettato proprio “Rapsodia Satanica” (niente
spoiler!).
Ciò che ne esce è un turbine estasiante di classicismo, shoegaze, oriente, blues,
elettronica e noise che fa volare i pensieri dello spettatore immergendolo
completamente nel film, uno spettacolo veramente fantastico, una meraviglia
coinvolgente che ha lasciato il pubblico letteralmente a bocca aperta, straordinario.

Dopo una pausa di 10 minuti per un breve cambio di set, il gruppo propone altri 4
pezzi; i primi due dal loro penultimo lavoro del 2012 “Good Luck”, ossia la
strumentale title-track e Time on time, una contaminazione jazz calda e sensuola
cantata live da Jukka Reverberi, e gli altri due sono estratti dal loro primo disco “Rise
and Fall of Academic Drifting”, ossia Pet Life Saver cantata live da Corrado Nucini e
A New Start, personalmente una delle mie preferite dei Giardini di Mirò tra aritmie
dinamiche e salti distorti.

Concerto complessivamente estasiante, loro veramente persone squisite e, come
detto, grandi professionisti; non esitate minimamente ad andare a vederli live
qualora passassero nelle vostre zone, grandissimi.

Live report a cura di anto

Autore:

staff