A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –   A Viareggio arriva il VEGAS COMETE FESTIVAL il 10 agosto –   Discoverland in tour con Niccolò Fabi –   Prosegue il tour estivo di …A TOYS ORCHESTRA: le date –   I Soft Play tornano con HEAVY JELLY –   I SUUNS hanno annunciato l’uscita del nuovo album The Breaks –   Stick to Your Guns, una data a Bologna! –   “Come voi” è il primo estratto del nuovo album di 1989 –   Bari In Jazz 2024, XXI Edizione –  

Klogr – Make Your Stand

I Klorg sono una band italiana di Carpi attiva sulla scena musicale dal 2011 e con un bagaglio live di tutto rispetto. Il primo Full Lenght ufficiale risale al 2011 “Till You Decay”, nel 2013 l’Ep “Till You Turn” e dopo una serie di video clip si giunge alla loro ultima fatica “Make Your Stand” sotto l’ala della Zeta Factory.

Il combo italiano suona un genere definito come Alternative Rock con venature Metal. Il ritmo serrato e potente viene eseguito da una buona sezione di chitarre dal suono corposo e graffiante, come si può ascoltare già dalle prime battute. Anche la voce impiegata in diverse modalità da il suo buon contributo alla causa addolcendo il ritmo e accostando la band a generi suonati da formazioni come “A Perfect Circle”, “Deftones”. I “Klorg” fanno uso sapiente anche di una sezione di tastiere che riescono a tenere tutto il lavoro molto ben amalgamato come ad esempio in “Breathing Heart”. Dove la voce chiara e pulita si fonde con le chitarre spostando così la lancetta verso il Rock piuttosto che al Metal. “Make Your Stand” include anche dieci tracce prese in occasione di un live dove la band riesce a coinvolgere il pubblico e rendere l’atmosfera ancora più interessante.

Il sound e lo spessore tecnico rimane lo stesso e non è poca cosa inoltre possiamo accostare la band anche a formazioni come AlterBridge, Tools. Alla fine, rimane il fatto che la band ha una buona componente di originalità dal sound professionale e ben impostato. Un’ulteriore buona riconferma e conferma che nel nostro stivale abbiamo band di spessore.

01. Breaking Down
02. Make Your Stand
03. Breathing Heart
04. Draw Closer (Live)
05. Zero Tolerance (Live)
06. King Of Unknown (Live)
07. Failing Crowns (Live)
08. Vultures Feast (Live)
09. Hell of Income (Live)
10. Silk And Thorns (Live)
11. Bleeding (Live)
12. Guilty And Proud (Live)
13. Guinea Pigs (Live)

Recensione a cura di: Madness

Autore:

staff